• Barbara Fabbroni (On Novella2000)

Manuale di sopravvivenza alle feste per coppie di amanti


Fine anno. Cenare in un luogo ricco d’atmosfera non è più così emozionante. Da anni trascorri le feste di Natale in montagna con tutta la famiglia. Così, come sempre, scocca la mezzanotte.

Auguri. Baci. Cin cin. Abbracci. I bambini giocano con i petardi. Ridono. Tirano palle di neve. Sono allegri.

“Meno male, pensi, almeno loro si divertono!”

In una manciata di minuti si conclude l’ingresso nel nuovo anno. Dopo il brindisi continuano a servire cibo. Tu non resisti. Ti alzi. Vai in bagno. Ti metti al riparo dagli occhi e dalle orecchie del partner.

In questo momento, lontano dallo sguardo di tutti, chiuso in bagno come un adolescente, scatta il cin cin del cuore: quello con l’amante.

«Amore, auguri», dice lei a lui con voce sensuale e trasudante di erotismo.

«Dove sei? Vorrei essere lì con te...», risponde lui alla sua lei.

«Lo sai, dove sono …», dice lei.

«Questo sarà l’ultimo anno che …», aggiunge lui.

«Sono anni che dici così. Non ci credo più», risponde lei con la voce tremola.

«Fidati di me amore», rafforza lui.

Scena tipica dei film? No! Accade. È un classico.

Le feste natalizie sono una prova impegnativa per gli amori clandestini.

L’amante pur restando in secondo piano pretende attenzione. Chiede certezze per un progetto futuro. Smuove sensi di colpa tumultuosi. Vuole esserci non essendoci. Pretende il suo spazio vitale.

Le festività portano in evidenza le imperfezioni dei rapporti umani. Si acutizzano i vuoti. Si aprono le ferite cicatrizzate. Si condivide festività solo con la presenza fisica mentre il cuore e la testa stanno altrove.

Lui festeggia in famiglia con moglie, figli e parenti tutti ma sogna l’altra. Ritaglia momenti per un saluto, un sms, una faccina inviata tramite chat, una telefonata rubata in un posto appartato. A volte accade di non riuscire a gestire la triangolazione dei rapporti. Allora scoppia l’imprevedibile. Veniamo scoperti. È il caos.

Dunque: essere l’amante si sa ha i suoi lati negativi. Vivere nell’ombra non è piacevole. Smuove sensazioni svalutanti.

Potremmo definire tre fasi dell’essere amante: Fase up, la Fase down e la Fase salvati.

Fase up: è l’inizio, dieci mesi circa. La tentazione. Il flirt. L’adrenalina. Il cedimento. L’eccitazione. La trasgressione. La passione. È la fase in cui l’amante si trova al centro del mondo del suo partner. Sei tutto per lui. Trova lo spazio per non lasciarti sola nei fine settimana. Tutto lascia presuppore che presto potete essere una coppia a tutti gli effetti, basta aggiustare le faccende di famiglia. Promesse infinite. Progetti. Telefonate in piena notte. Durante le feste e le ricorrenze di famiglia. Tutto è perfetto. Un amore a tutto campo.

Fase down: le promesse non vengono mantenute. Le scuse sono sempre più. Non risponde al telefono. Sparisce nei weekend. Quando ne hai bisogno non c’è. “Comprendimi. Dammi tempo. La lascerò. Con te sarà diverso”. Le frasi che ti senti ripetere da settimane.

Piangi. Soffri. Ci credi. Sì, ancora ci credi.

Lui è solo lento nel prendere decisioni. Ma comprendi. Sono cose che hanno bisogno del suo tempo. Ci sono dei bambini. Gli affari da sistemare.

Lo ami. Aspetti. Sì! Aspetti. Lo aspetti.

Fase salvati: essere amanti capita. Dobbiamo tenere alta la guardia per non sfociare nella Fase down. Avere la forza di mordere la vita e proseguire. Non farsi illusioni. Stare con i piedi a terra. Vivere il qui e ora senza aspettarsi nulla.

Se lui davvero ci piace e ci ama, comprenderà il nostro bisogno tanto da adoperarsi con il giusto tempo a costruire la strada verso di noi. Altrimenti, se questo non accade, il consiglio è: salvati! Non sprecare tempo ed energie in una storia che prima o poi ti porterà a soffrire facendoti sentire usata e sola.

Tuttavia come si fa a superare le festività per non cadere nella fase down?

1 – Non lasciarti sola durante le feste, lui sarà con la sua famiglia

2 – Se non sai con chi passare le festività fai un viaggio in un posto che ti piace

3 – Non farti mai sentire abbattuta anzi mostra che stai bene e ti diverti anche tu

4 – A volte lascia il telefono squillare senza rispondere

5 – Cerca di far nascere in lui un po’ di sana gelosia, non guasta mai

6 – Non metterlo alle strette, fallo sentire libero

7 – Sii libera anche tu

8 - Fagli sentire la tua mancanza

Non dimenticarti mai che se un uomo non prende velocemente una decisione non ha alcuna intenzione di lasciare la famiglia.


33 visualizzazioni