• Barbara Fabbroni( on Visto)

Renderli felici è nostro dovere


Decidere di adottare un amico a 4 zampe è un passaggio importante non solo per la nostra vita, per la vita della famiglia, ma anche per l’animale. Un cucciolo di cane, nella prima fase della sua vita, e non solo, ha bisogno di cure e attenzioni, per poter crescere in equilibrio e sviluppare la sua personalità. Sono esseri viventi che hanno sensibilità, riescono a comprendere aspetti significativi dell’uomo, soprattutto se si tratta del suo padrone. Sono intuitivi e non sfugge nessuna sfumatura.

Loro ben sanno di dipendere dall’uomo per la sopravvivenza tanto che scelgono, all’interno del nucleo familiare, un referente cui delegano il ruolo di “capo branco”. È la base sicura cui fanno riferimento nei momenti di difficoltà, nello spazio del gioco, nel tempo dedicato alla coccola, nei momenti in cui avvertono un pericolo. Nel “capo branco” familiare cercano protezione e rispetto, sostegno e accoglienza, riconoscimento e attenzione. Un cane ha bisogni psichici che necessitano di un nutrimento e soddisfacimento. A loro non basta una cuccia e una ciotola dove mangiare per essere felici. Il loro benessere non è solo il nutrimento e un giaciglio dove riposare, hanno bisognodi esprimere interessi, tendenze e personalità.

Hanno bisogno di un equilibrio mentale come accade per tutti gli esseri viventi dotati di un sistema nervoso complesso. I cani hanno un’intelligenza molto viva che necessita di essere continuamente stimolata e gratificata all’interno di relazioni positive con gli altri e con l’ambiente. Sono animali sociali e vivono all’interno di dinamiche relazionali che possono influenzare il loro modo di vivere, reagire, essere. Come per noi, la felicità di un cane parte da dentro, dal nutrimento delle esigenze psichiche, dal soddisfacimento dei bisogni.

Conoscere il proprio cane presuppone comprendere le sue caratteristiche psicologiche e i suoi meccanismi mentali. Ilbenessere mentalefa la differenza tra la felicità e l’infelicità di un animale.

Chi si occupa di comportamento animale sa che il cane ha 4 bisogni da nutrire affinché possa soddisfare se stesso e strutturare il suo comportamento:

- Bisogno di collaborare: fare qualcosa insieme, questo lo rende felice e si sente parte attiva di un insieme;

- Bisogno di socializzare: bisogno e desiderio di incontrare i propri simili socializzando con loro;

- Bisogno di perlustrare: conoscere il mondo intorno a sé aiuta il cane a gestire la sua guida psichica interna, la organizza e la mostra con il bisogno di fare lunghe passeggiate dove può esplorare sia con l’olfatto sia con gli altri sensi il mondo e l’ambiente;

- Bisogno di competere: il suo bisogno di vivere l’incontro con l’altro sia esso animale o umano come una sfida, una gara.

Nutrire e soddisfare questi bisogni rende il cane un animale felice e riconosciuto.

È un bilanciamento tra il bisogno di nutrire le sue esigenze e mantenere soddisfatte anche le esigenze del proprietario senza portare troppe trasformazioni alla vita, altrimenti il cane non sarà un piacere ma un peso che alla lunga stancherà.

Ricordatevi che il cane è un animale curioso, lo troverete spesso a curiosare mentre state facendo qualcosa, soprattutto se vive gran parte del suo tempo all’interno delle mura domestiche.

Le passeggiate dovranno essere un momento di svago-gioco e non “andiamo al bagno”, tra voi e il vostro animale dovrà esserci un’intesa che gli dia sicurezza e non lo agiti. Strattonarlo o sgridarlo non aiuta certo il vostro rapporto, il cane ha necessità di tempo per poter sperimentare i luoghi e l’ambiente. Garantitegli almeno una passeggiata soddisfacente al giorno.

Giocate con lui durante i momenti di relax, il cane ha bisogno di mettersi in gioco sfidando l’uomo, è un modo per accrescere la propria autostima e sentirsi parte di un insieme.

Evitategli la solitudine per lunghi periodi. I cani sono animali sociali esoffrono molto la solitudine. Qualsiasi cane, ha bisogno di passare del tempo congruo con il suo amico uomo.

Un cane felice è un cane che è stato educato con gentilezzafin da piccolo. Il cane ha bisogno delle regole per poter crescere e svilupparsi, per comprendere cosa è giusto fare e cosa invece non è corretto.

Un amico a 4 zampe rispettato anche nel suo bisogno alimentare è sicuramente felice. È importante nutrire l’animale con un’alimentazione bilanciata e corretta sia essa fatta con crocchette o con alimenti cucinati. Oggi c’è la tendenza a dare al cane alimenti freschi cucinati piuttosto che i pasti bilanciati in crocchette. Seguirlo anche da un punto di vista medico-veterinario gli assicura una buona salute. Un cane in buona salute è un cane felice!

Quando arrivano le vacanze cosa fare? Portarlo con sé o lasciarlo in pensione?

Nota dolente per molti. Non bisogna mai dimenticarsi che un cagnolino si adotta 365 giorni all’anno e che lui è parte integrante della famiglia. Lasciarlo a casa o in pensione quando siamo in vacanza non è certo un modo per renderlo felice. Piuttosto scegliete mete e luoghi, dove anche lui possa sentirsi bene, trovi spazi dove rilassarsi e stare in compagnia dei propri familiari. La montagna è un ambiente che i cani adorano.

Spesso fuori dal proprio ambiente i cani possono stressarsi così è importante rendergli il soggiorno più familiare possibile portandosi dietro delle cose di casa.

Guinzaglio, collare e cuccia sono fondamentali,così da mantenere un filo conduttore con il suo ambiente domestico.

Non dimenticatevi mai una ciotola da viaggio. In estate i cani, soprattutto quelli di piccola taglia, si disidratano con facilità.

Il kit per la sua igieneè fondamentale così come sono importanti impermiabilini o maglioncini se il periodo della vacanza coincide con l’inverno.

Ricordatevi che un cane felice rende felice anche il suo padrone!


0 visualizzazioni