• Barbara Fabbroni (on Life&People)

PFW: Valentino, normalità e purezza, una storia infinita


Le basta un biglietto aereo, solo andata, perché Parigi è casa. Sabrina non accetta altro. Vuole fuggire ancora una volta a Parigi, sa che lì troverà la quiete e non solo. Molti stilisti italiano sono fuggiti a Parigi, lì hanno trovato il loro posto, tanto da aver dato vita a un discorso narrativo infinito.

29 settembre 2019, la sfilata di Valentino si apre al suo pubblico raffinato e attento che scruta ogni più piccolo particolare, che s’incuriosisce difronte al gioco di colore confuso con il bianco candido cui sono donate le linee più impegnative. Eppure, ancora una volta, lo stile Valentino fa tremare il cuore, fa gioire di piacere, fa sognare. Non c’è stato spettatore che non abbia accolto la sua creatività come un’opera d’arte. Ogni abito, ogni gioco di colore, ogni linea volge alla realizzazione di un contenuto intimo e nuovissimo.

Nella sua sfilata Parigina si ritrova il gusto assolutamente italiano, mixato con doverosa maestria all’eleganza sobria delle donne Parigine che hanno fatto dello stile la loro intramontabile colonna sonora.

La sfilata si apre con le note armoniche di dita sapienti che sfiorano leggere la tastiera di un pianoforte. Quella armoniosità scende in profondità creando l’humus dove la sfilata si seminerà. C’è tanta coerenza nel suo stile, non ci sono esasperazioni ma solo tanto, tanto studio. L’eccesso, per Valentino, appartiene a una storia che la Maison non ha mai accolto. La magia del bianco è accarezzata da morbide ondulazioni del tessuto. Il giallo, l’arancio, il verde mela, la fantasia ben adagiata da una sola parte dell’abito lasciano comprendere lo studio attento e passionale.

Sono abiti che appartengono a gran parte delle donne. Non importa essere perfette per poter sfoggiare un outfit Valentino, i giochi di volume creano un’accoglienza generosa e al tempo stesso arricchente, affascinante e intrigante.

Il parterre accoglieva volti celebri che si sono innamorati passo dopo passo sempre di più di questa sfilata. Le interviste post-sfilata hanno reso merito alla ricchezza stilistica, alla voce sussurrate dello chic, alla intramontabile voglia di rendere una donna assolutamente affascinante e stilosa.


0 visualizzazioni