• Barbara Fabbroni (On Novella2000)

Vi servo il panettone


Partenopea, bella, intelligente, ironica, solare, una carriera strepitosa, non può che essere: Tosca d’Aquino!

Tutti la ricordiamo nella raffinata interpretazione, di Carlina nel film di Leonardo Pieraccioni, il Ciclone, un mix perfetto di simpatia e napoletanità. Film campione d’incassi che, ancora oggi, è baricentro della leggerezza e comicità Made in Tuscany. Tosca D’Aquino è un’attrice molto amata, interprete di ruoli comici e non solo, una professionista a tutto tondo con la grande passione per il teatro. Sempre sorridente, accogliente come se la sua immagine, il suo essere persona si aggrappasse a questa sua lieve carezza che ha nel vivere.

Dice, lei, parlando del suo sorriso sempre disponibile ad accogliere l’incontro con l’altro, sulla sua modalità fresca di presentarsi portando allegria e leggerezza: “Sicuramente mi appartiene, anche per la mia napoletanità, nel mio modo di affrontare la vita in una certa maniera. Sono cresciuta con dei nonni che mi hanno insegnato che solo alla morte non c’è rimedio, tutto si risolve e … vedo sempre il bicchiere mezzo pieno”.

Ha fatto di tutto per diventare attrice, determinata e amante delle sfide, con l’innata capacità di vedere il bicchiere mezzo pieno, ha vinto, giungendo a raggiungere traguardi importanti. Racconta: “Sai quando vuoi fare qualcosa, ecco io sono sempre stata determinata, volevo fare l’attrice”. “Nonostante tutto”, come dice, “Mi ritengo un’artista e un artista vive anche di malinconie, di sofferenze, però generalmente sono solare”.

Si è formata nella prestigiosa Accademia Silvio d’Amico, da lì la sua carriera è decollata con successo.

Quando hai iniziato la sua carriera? Lei con la sua fresca simpatia, non esita a dire: “Io ho iniziato nella pancia di mia madre” – continua ricordando che – “la mia fortuna è stata la scuola che frequentavo a Napoli, lì c’era un teatro e un grande palcoscenico … le suore stesse dicevano a mia madre: signora deve fare l’attrice questa ragazza”.

Debutta nel 1988 a Fantastico con Pippo Baudo, ricorda: “entrai da emerita sconosciuta perché ancora frequentavo l’Accademia e ne uscì che mi chiedevano gli autografi”. Partecipa con Vincenzo Salemme, suo compagno di viaggio in molte pellicole cinematografiche, a “Ballando con le Stelle” su Rai1.

La sua carriera spazia dal cinema al teatro, dalla televisione al comico. Un’artista capisce quando è arrivato il momento che ce l’ha finalmente fatta, lei parlando di questo confessa: “il mio è un lavoro precario, provvisorio, è facile passare da un momento in cui uno lavora tanto a un momento in cui lavori di meno. Nonostante tutto essendo un’artista che spazia dal teatro al cinema, dalla tv alla fiction ho la possibilità di camminare in più ambienti. La sensazione di essere arrivata non l’ho mai avuta”.

La sua filmografia è lunga e ricca d’interpretazioni importanti così come nel teatro. Attualmente è impegnata nella registrazione della nuova serie de: “I bastardi di Pizzofalcone”, per la televisiva, dove interpreta il sovrintendente Daniela Ottavia Calabrese, una coproduzione Rai Fiction-Clemart, realizzata da Massimo Martino e Gabriella Buontempo. Un ruolo di responsabilità che Tosca interpreta con la professionalità che la contraddistingue. È una parte importante con le sue declinazioni e le perturbazioni che la vita propone, oltre che un lavoro, quello del sovrintendente, di significativa responsabilità.

Ci siamo incontrate tempo fa a Livorno mentre stava provando con Giorgio Panariello lo show su Rai1, per Natale. Parlando con lei mi racconta, a proposito della fiction che è già alla sua seconda stagione, che: “fortemente ho voluto una parte nella fiction, tanto da riuscire a convincere Massimo (Massimo Martino, il marito, produttore) a trovarmi un ruolo”.

Tosca non è solo una grande attrice ma una madre attenta e premurosa. Due figli, Edoardo il più grande avuto dal primo marito Mauro Gabrielli, ingegnere napoletano, il secondo Francesco da Massimo Martino.

Tra Tosca D’Aquino e Massimo Martino scoppia la scintilla in terra Toscana, mentre sta recitando nel set de “L’uomo del vento” con Alessio Boni, prodotto dallo stesso Martino. Dopo un fidanzamento durato 11 anni, un figlio, finalmente arriva il matrimonio nel 2013.

Di lei si può solo aggiungere che oltre a essere un’attrice completa e brava, è una donna con una radicalità etica profonda, una capacità di essere madre e moglie che la rende assolutamente vincente.


0 visualizzazioni