Love in the City

Il rapporto madre-figlia


Il rapporto madre e figlia è molto caro alla psicologia. La madre è, per una bambina, la base sicura, il luogo rassicurante e nutritivo, nonché modello delle relazioni successive.

Ci sono relazioni madri-figlie che possono dare il via a conseguenze dolorose, altre invece che si esprimono all’interno di un’armonia costruttiva, altre ancora che si fondano su stimoli di rivalsa e sfida.

Ciò non vuol dire che ci sono madri perfette e altre imperfette, ogni rapporto ha in sé una variegata modulazione di emozioni, sensazioni, atmosfere. Le mamme come ha suggerito Donald Winnicott devono essere “sufficientemente buone”, è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per uno sviluppo sano. L’accudimento va a stretto contatto con l’attaccamento insieme formano un terreno fertile dove crescere ed evolversi in maniera sana.

Tuttavia, ogni rapporto ha in sé molteplici variabili, spesso quello che emerge è un sottofondo d’insoddisfazione che può condurre a mettere in atto un comportamento di rivalsa e sfida verso la madre. Esempio possono essere le figlie delle celebrità.

Le figlie d’arte sono molte, alcune percorrono i passi delle madri camminando con disinvoltura nei Red Carpet delle griffe eccellenti sotto lo sguardo attento dei migliori fotografi. Altre dirottano il loro interesse professionale verso nuovi itinerari cercando di realizzarsi in qualcosa di diverso. Altre ancora si perdono nella spasmodica ricerca di un’affermazione che non arriva.

Alcune, riescono a distinguersi per talento e grinta, forza e determinazione, capacità ed entusiasmo così da sfatare la credenza che essere “figlia di” apre inevitabilmente le porte. Loro, il successo e la visibilità, se li conquistano nel campo! Il terreno che percorrono è sicuramente faticoso poiché, per certi aspetti, hanno il dovere di dimostrare qualcosa in più delle madri, altrimenti il mondo se le mangia in un sol boccone.

Quando si parla di “figlie” di star famose tutto sembra assolutamente più facile, ma non è così. Il mondo patinato e luminoso della celebrità ha un prezzo importante da pagare, un pegno di fatica significativo che non sempre è facile da sopportare, sostenere, vincere.

Comunque sia, da Cindy Crawford a Victoria Beckham, da Jessica Alba a Katie Holmes, da Monica Bellucci a Vanessa Paradis, loro hanno figlie da copertina e passerella che spesso superano le madri. Oltre al fascino indiscusso delle madri, sono arricchite da quello del padre così che l’insieme crea un’alchimia perfetta, regala qualcosa di assolutamente bello, affascinante, seduttivo. Impossibile farlo passare inosservato, prima o poi qualcuno le individua e anche se non ci hanno ancora pensato il primo contratto arriva in pochi secondi.

Come dice un vecchio detto: “Son tutte belle le mamme del mondo”, qui possiamo dire che “Son tutte belle le mamme del mondo che hanno figlie perfette e bellissime!”.

Altre si smarriscono come la figlia di Ornella Muti che nella ricerca spasmodica di ottenere il successo della madre ha costruito una vita fondata sulla trasgressione.

Il cinema è ricco di figlie di famosi, basta pensare a Asia Argento, entrambi i genitori personaggi carismatici del mondo del cinema. Lei ha fatto molto parlare di sé nonostante per la sua vita bizzarra in costante ricerca di un porto sicuro dove approdare.

Aurora Ramazzotti, figlia del cantante Eros e di Michelle Hunziker, sta camminando i suoi primi passi nel mondo della televisione come la madre, ancora non ha trovato la via che più le è consona, ci prova ma poi dopo un po' viene sostituita. Forse il peso di una mamma ingombrante la schiaccia e la rende poco incisiva?

A queste giovani se ne aggiungono molte altre ancora, alcune con un talento innato, altre alla ricerca del loro spazio nel mondo, ma unite dal desiderio di stare sotto i riflettori senza cedimento alcuno. Sono abituate a stare all’interno della scena, si muovono con disinvoltura e sanno ben catturare lo scatto del fotografo anche se per alcune il talento non arriva.

C’è da chiedersi cosa accade all’interno delle relazioni madre-figlia quando la madre è un personaggio importante? Sfida? Imitazione? Rivincita? Voglia di dimostrare quanto valgono? Desiderio di visibilità?

I motivi possono essere infiniti. Possiamo costruirci una variegata gamma di ipotesi, di considerazioni, spesso percorrono la stessa strada prima di tutto perché è un mondo divertente, accattivante, coinvolgente, poi è l’unico mondo che conoscono, dove è facile incamminarsi, dove riescono a muoversi senza troppe difficoltà, dove sono abituate a stare sin da piccolissime. Altre volte, per dimostrare che valgono, che hanno anche loro delle capacità, che riescono a catturare l’attenzione percorrono la strada del mondo del cinema, delle passerelle, della musica accumulando solo delusioni poiché il loro talento non appartiene al mondo artistico.

Forse anche le madri famose sbagliano? Una cosa è certa, non è facile essere madri “normali” quando si è h24 sotto i riflettori, quando la vita è fatta di palcoscenico, passerelle e visibilità. Forse un po' di merito a queste madri famose bisognerà pur darglielo, senza per forza dover trovare una nota stonata, cercando di intravedere un punto di incrinazione nel loro rapporto, costruendoci per forza un atteggiamento di sfida e rivalsa.

Semplicemente hanno avuto la fortuna di nascere belle, affascinanti, in un mondo, dove i riflettori sono la normalità e il dado è tratto. Semplice no?

Una domanda però sorge spontanea: cosa è mancato a queste figlie di donne famose o normali che non riescono a trovare la loro strada?

Ogni individuo è quello che è. Quello che sente dentro alla sua anima. Le madri dovrebbero aiutare le figlie a tirare fuori il loro talento, qualunque esso sia, incontrando così il sé delle loro figlie che cercano nutrimento e riconoscimento. Altrimenti, in ogni ambiente la relazione si fa critica, le figlie non amate imparano un comportamento anaffettivo che poi applicano alla vita e alle relazioni successive.

Le modalità in cui le madri poco empatiche, anaffettive, interagiscono con le figlie variano in modo significativo da una coppia all’altra, queste diverse modalità di esserci con l’altro influenzano le figlie.

Ogni relazione è un bene prezioso e bisogna averne cura.


  • Instagram Social Icon
FOLLOW ME
  • Black Instagram Icon
SEARCH BY TAGS
Non ci sono ancora tag.
FEATURED POSTS
ARCHIVE