Love in the City

Da soli il tempo è più prezioso


La quarantena continua, gestire la solitudine per single, separati e in generale per chi vive solo è possibile anche se non è poi semplice.

Trovarsi catapultati in settimane solitarie è difficile nonostante la possibilità di essere costantemente connessi con il mondo in rete. Come si può gestire il rapporto con sé stessi trasformando la solitudine in opportunità? La solitudine è davvero un’opportunità? Oppure è una trappola che conduce alla depressione? È possibile gestirla al meglio? Quale strategia adottare?

Le persone che si sono trovate ad affrontare in solitudine questo periodo imprevisto di vita sono molte. Non solo i single, i fidanzati lontani, le persone separate, i lavoratori che vivono in una città diversa, gli studenti fuori sede, gli anziani nelle RSA, insomma una schiera ben nutrita di persone che di punto in bianco sono sprofondate nel lockdown!

C’è una cosa che li unisce in un omogenizzato comune fatto di emozioni più o meno sostenibili e gestibili: la solitudine con la sua lama fendente che spesso svuota da ogni stimolo.

Stare soli non è semplice anche se la nostra società ci ha abituato a questa situazione, una cosa però è avere la possibilità di riempire le giornate con amici, aperitivi, serate fuori, altra cosa è trascorrere tutto il tempo all’interno delle mura domestiche sentendosi ai “domiciliari” (come ama definire questo periodo Nicola Porro e non solo).

È stato più volte ripetuto e scritto che siamo in un periodo surreale, difficile, faticoso, tanto più se le persone patiscono la solitudine la cosa si fa ancora più stressante, le paure vengono a galla dilagando come uno tsunami nei propri comportamenti. L’ansia diventa una compagna di viaggio, si rintana tra le mura domestiche senza lasciare uno spazio di sollievo.

La sopravvivenza alla quarantena da soli è cosa assai faticosa da affrontare! Non vi sono dubbi in merito. Anche se può essere un momento significativo per ritrovarsi e trovarsi in una nuova dimensione. Non più il rapporto bulimico di incontri giocati tra un aperitivo e l’altro, una cena, una serata tirata fino all’alba, bensì un momento intimo tra sé e sé per cercare di incontrarsi. Come tirare fuori il meglio da questa chiusura forzata senza abbattersi e farsi travolgere dall’ansia?

L’unico contatto con il mondo, oltre al momento per fare la spesa a dovuta distanza, portare fuori il cagnolino, resta la popolazione della rete. Così non c’è momento migliore di questo se siete single di scaricare Tinder. Lasciate alle spalle i pregiudizi tuffandovi in questo mondo comunicativo, non c’è scusa ulteriore per vergognarsi, può essere un mezzo d’incontro per fare, finalmente, scacco matto alla solitudine. Avete tutto il tempo da dedicare a nuovi incontri, potete approfondire una conoscenza e chissà che non si schiudano nuove possibilità una volta fuori dal tunnel.

Il mondo nella rete è l’unica possibilità di socializzazione che può essere percorsa senza troppe paure, poiché si mantiene la giusta distanza, non ci sono assembramenti e il virus è ben schermato.

Potrebbe anche essere che questa quarantena diventa galeotta e Cupido scocca la sua freccia facendovi trovare l’amore? Non credete? Mai dire mai, la vita è assolutamente imprevedibile.

In questo momento la cosa importante è non rinunciare alla socialità, in aiuto viene Netflix Party, è possibile vedere la TV insieme ognuno comodamente seduto a casa sua. Mica male?

Per cui non resta che armarsi di popcorn, coca cola, chiamare gli amici e tuffarsi tutti insieme in una maratona condivisa in Netflix seguendo semplici passi per guardare insieme (ma in remoto) film e programmi preferiti, nonché di parlarne in una chat. In questo modo sarà possibile sentirsi meno soli condividendo con i genitori, gli amici, i fidanzati lontani qualcosa mantenendo le regole per salvaguardarsi dal temibile virus.

La cosa si fa interessante considerando che il servizio è gratuito! Bello, vero?

Così potete contrastare la noia che galeotta potrebbe indurvi a scorrere la rubrica degli ex o delle ex, per riagganciare vecchie amicizie per passare il tempo in vista di tempi migliori. Dovere stare attenti perché potrebbe dare false speranze a chi ancora non ha digerito del tutto la separazione a meno che, questo tempo di quarantena, non vi abbia fatto comprendere l’importanza della relazione passata tanto da condurvi a ritentare un nuovo corteggiamento.

Una cosa divertente che sta aiutando le persone che vivono da sole è organizzare aperitivo e cene di gruppo videocall con amici, o fidanzati lontani. Basta darsi un appuntamento telefonico per pranzo con la mamma e per cena con un'amica, avviate una video chiamata su WhatsApp e appoggiate il telefono di fronte a voi. Meglio di niente è sempre qualcosa che può far trascorrere in serenità qualche ora senza scontrarsi continuamente con la solitudine.

Tuttavia, una buona strategia per contrastare questa quarantena è programmare la giornata con azioni ben precise: apparecchiare tavola per colazione, pranzo e cena, scegliere il menù della settimana, le ore per lo svago televisivo o altro. Non solo: dedicare un’ora fondamentale per una qualsiasi minima pratica motoria, anche aiutati da qualche video. La cosa importante però è non dimenticarsi mai di sé stessi. Non fatevi travolgere dalla frenesia del fare, prendetevi un momento per voi, coccolatevi, ascoltatevi, riordinate nei files della vostra memoria le esperienze, ascoltate le emozioni che avete sopito, cercate di fare un bilancio della vostra vita per riprogettare nuovi itinerari. Sarà un tempo importante così che scoprirete che stare soli non è poi tanto male. Serve. È utile. Permette di azzerare ogni sospeso con sé stessi e con gli altri per ripartire più forti di prima.

In fondo era tanto tempo che non stavate in casa perché il lavoro e la vita sociale imponeva un ritmo assolutamente frenetico. Ecco, questo periodo, è un buon tempo da spendere anche per riordinare la propria casa, riorganizzando gli spazi, facendo pulizia delle cose accantonate che non servono, rinfrescando l’armadio e molto altro ancora.

Quindi, non sprofondate nel letto sino a tarda mattina, alzatevi come di abitudine, curate l’aspetto, prendetevi cura dei capelli da soli in mancanza del parrucchiere, telefonate i vostri amici e parenti.

Rimanere in pigiama alimenta la solitudine, lo smarrimento, la noia, crea un sentimento apatico dove tutto si oscura. Vestitevi in maniera comoda ma vestitevi!

Anche i Vip cercano di rendere la loro quarantena un momento piacevole.

Cristiano Malgioglio non esce di casa, crea post e video nei Social, dove si mostra in perfetta armonia con la sua casa impegnandosi attivamente nei lavori domestici tra lavatrice, lavastoviglie, pavimenti e ferro da stiro. Il suo tempo è scandito dal fare ordine e dal rendere piacevole l’ambiente dove vive. Alba Parietti si è creata una nuova routine, legge molto, parla solo con chi ne ha voglia e cerca di passare il suo tempo nei migliori dei modi prendendosi cura anche di sé stessa.

Bianca Guaccero dedica il suo tempo alla figlia, si gode un po' di riposo e si dedica alla casa. Il trasgressivo e simpatico Paolo Ruffini vive in un residence fingendo di essere in una spa. Insomma, i Vip single ci insegnano, ognuno a modo suo, a non arrendersi mai. C’è sempre un lato positivo a tutto.

Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, si è chiuso nella sua casa Toscana, dedicandosi alla famiglia e godendosi un meritato riposo.

Il nostro Presidente della Repubblica ha dichiarato che in questo periodo vive tutto solo, beh è un insegnamento per ognuno di noi. Non credete?

Tutto questo aiuterà a superare brillantemente la quarantena senza sentire la morsa stridente della malinconia solitaria.

Regola numero 1: armarsi il più possibile di App, crearsi una nuova via di socializzazione. Nell’era della rete tutto è possibile. Soprattutto, non dimenticatevi di voi, dedicatevi tempo, ascoltatevi e coccolatevi, un’opportunità così non tornerà.


  • Instagram Social Icon
FOLLOW ME
  • Black Instagram Icon
SEARCH BY TAGS
Non ci sono ancora tag.
FEATURED POSTS
ARCHIVE